Archive for the ‘storia’ Category

The Wheels: la vera storia della guerra e di come fu messa sotto terra

18671383_10212705417135121_5438170550985822482_o

 

The Wheels: uno spettacolo con luci ed ombre per comprendere l’origine della guerra e valorizzare il significato della pace

Tutto iniziò in un bel giorno di seconda elementare, stavamo parlando della guerra e della pace ; quando una nostra compagna chiese al maestro chi avesse inventato la guerra e la causa che la scatenò . Egli rispose che non si sapeva chi l’ avesse inventata ma che studiando la storia forse potevamo scoprirlo

Dopo un anno incominciammo a studiare la preistoria e scoprimmo che nel periodo matriarcale non c’erano guerre tutti condividevano il cibo e la fame in modo uguale.

Con l’arrivo dell’agricoltura si iniziava a non avere più fame, ma alcuni uomini iniziarono ad accumulare più cibo , altri a rubarlo , poi dal cibo si passo’ all’oro .

La guerra la scatena chi vuole troppo e coinvolge anche altre persone che sono avide come lui, allora uccide finché non ottiene quello che vuole

Ci venne allora un’idea : fare uno spettacolo teatrale.

Quasi a fine 4 abbiamo iniziato a prepararlo e in estate l’ abbiamo concluso dopo giorni di consultazione e preparazione, in 5 abbiamo fatto le registrazioni e i montaggi degli oggetti scenici , in estate ci siamo ritrovati insieme al maestro Giampiero per scrivere la sceneggiatura ed il copione , alcuni di noi sono andati a Torino prima dell’inizio della scuola a settembre per girare il video al “cortile del maglio” dove c’è un grandissimo ingranaggio che tanti annni fa costruiva le armi, e dopo qualche settimana l’ abbiamo messo in scena a Castel Nuovo Don Bosco. Adesso è da qualche mese che l’ abbiamo fatta vedere ad un pubblico e la interpreteremo anche alla fine della scuola, come spettacolo della fine del nostro percorso scolastico ed elementare.

prima rappresenazione 25 settembre 2016 ore 16,00 Palazzo dell’Alla Castelnuovo don Bosco

Il racconto parla di come è nata la guerra e come stata domata: tutto iniziò nella preistoria , nelle tribù matriarcali che si dividevano tutto tra tutti ; erano nomadi infatti si spostavano seguendo il ritmo delle stagioni per procurarsi il cibo.

Un giorno tornarono nell’ accampamento dell’anno precedente e videro che dagli scarti della frutta che avevamo buttato via , era nata una pianta con dei germogli , così capirono che dal letame nascono i fiori , assaggiarono tutti i frutti , uno di loro ebbe un idea : perchè non venderli ?

Si divisero i compiti ,ma gli uomini maschi , dato che svolgevano i compiti più faticosi pensarono di essere indispensabili , vollerò comandare e ognuno voleva la maggior parte dei soldi.

La societa divenne piramidale ed è così che iniziarono le guerre, per predere sempre di più, o per rubare a chi aveva di meno.

Quando e i mariti tornavano dalle battaglie portavano solo ricchezze ma non dolcezze. A volte non portavano neanche ricchezze ma tornavano feriti o peggio morti. Dopo qualche tempo le donne si stufarono di rimanere sempre sole aspettando brutte notize , si incontrarono e e decisero di dare ai loro mariti figli e fratelli una bella lezione.

Desisero di far finta che , al loro rientro a casa dalle battaglie, igli uomini non esistessero, ingnorandoli. “loro ci lasciano sole?” Loro muoiono in battaglia? Loro non ci considerano? Gli faremo vedere cosa vuol dire non essere considerati ed essere soli!”

Quando gli uomini ritornarono pensarono che essere vittime di un sortilegio, scapparono nel bosco , ma mentre scappavano iniziarono a pensare a tutte le cose brutte che avevano fatto. Capirono ,sotterrarono la guerra e da lì naque un fiore che portarono alle loro mogli. Così la guerra fu domata. Ma la guerra si può davvero sconfiggere?

con la collaborazione di:

Fondazione Gabriele Accomazzo
Ass. Parthenos
Poirino S.p.a.
Silvia De Angelis
Emanuele Raneri
Claudio Catalano
Ristorante Chez Zeina Torino
ass.”il Margine”
Teatro degli Acerbi
Giulia Marchiaro
Josephine Ciufalo
Patrizia Camatel
Sara Deflorian
Antonio Chies
Autotrasporti Savian
Montecolino pavimentazioni rivestimenti tessili

18673177_10212702727067871_4232432013558860944_o 18623412_10212702716667611_3224266476637882549_o 18623281_10212702696787114_8793792289307750605_o 18623440_10212702672866516_6259918561294960874_o 18620740_10212702741068221_8440108444201608822_o 18623197_10212702729267926_3708935085375819227_o 18671383_10212705417135121_5438170550985822482_o la-danza-2-1910-musoeo-dellermitage-di-san-pietroburgo 18671383_10212705417135121_5438170550985822482_o

Indietro nel tempo, l’ Egitto in classe: mummifichiamo tre pesci

 

1450744_10208623905899891_7745229197396081358_nIn storia stiamo studiando gli Egizi e in scienze le caratteristiche di pesci mammiferi molluschi ecc ecc.
Compito: chi se la sente deve farsi insegnare da un genitore ad eviscerare un pesce estraendo gli organi.
Questa abilità servirà nei prossimi giorni per una attività che faremo in classe: la ripetizione del rito di mummificazione dei defunti secondo Il gruppo che riuscirà a “non far puzzare il pesce” sarà ufficialmente elevato a rango sacerdotale!!
Estratti gli organi li osserveremo anche al microscopio per comprenderne un po’ la morfologia.
Poi le interiora saranno essicate nel natron che realizzeremo ricercandone la composizione chimica e inseriti nei vasi canopi.
Le tre salme di faraoni … si tratta di tre pesci “Bugo” saranno profumate salate e ricoperte con il natron.
infine bendate con bende di lino ed amuleti.
Vediamo come va a finire!!!!

pesciCi siamo divisi in sei gruppi  da cinque\sei bambini.

Giampiero ha un libro in inglese sugli Egizi,ci ha dato delle fotocopie e noi le abbiamo tradotte.

Appena è entrata Lina,il maestro ci ha consegnato un pesce per ogni gruppo;noi l’abbiamo aperto e gli abbiamo tolto gli organi.

10300442_10208623904019844_5207206189062021372_n10492131_10208623906379903_1144114968727914617_n

1929351_10208623905419879_5920551825633924109_n12294689_10208846848393314_5588488632242668958_n

 

 

 

 

Dopo 70 giorni immersi nel natron (ricreato miscelando sale e bicarbonato) riempiti di spezie (ginepro, chiodi di garofano, pepe cannella e rosmarino) ed unguenti (olio canforato) i pesci sono completamente disidratati.
Le tre equipe di mummificazione procedono a scrivere invocazioni benefiche sul libro dei morti e si procede a imbottire con paglia la cavità dei tre pesci, non senza profumare ancora una volta con incensi e nuove spezie fresche.

Un amuleto di vetro blu provvede a chiudere la bocca.
Domani il bendaggio e la resina tura per sigillare le tre preziose mummie.

13339539_10209281283653924_7681365932661354167_n 13342978_10209281286533996_5936582702730023046_n 13320013_10209281285693975_5659488336810979502_n 13319892_10209281286013983_1579412949402927358_n 12801542_10208846849353338_2801982151396070041_n 12376621_10208846847993304_6608454624524403321_n

Siamo quasi al termine dell’esperimento.
Dopo aver imbottito le cavità addominali dei nostri pesci con paglia e spezie ed inserito amuleti nelle loro bocche, procediamo al bendaggio ed alla resinatura che le preserverá per i “secoli a venire”.

13335917_10209333023267382_227959553677857492_n 13336059_10209333024027401_7020414710148743938_n 13330905_10209333024387410_8166666125056284121_n 13331100_10209333024907423_6687083863107555549_n 13413644_10209333025707443_2510298484379228859_n 13335981_10209333025947449_9107681185505593814_n 13319892_10209333026467462_47052511914973771_n 13407318_10209333026747469_3273446884547811861_n 13327545_10209333027427486_4679622769577329599_n 13346966_10209333027827496_2710108644317593281_n 13325442_10209333028227506_3573778817813191469_n

 

la carica dei 105 Bimbisvegli con Antigone e Vittorio Alfieri

 

Ci sono leggi ingiuste lei pensa ed or lo dice!

12552815_10208172635178405_7600404452116662895_nFinalmente Antigone , la coraggiosa ragazza che non poteva accettare la tirannide di una legge disumana emanata da un re vendicativo ed ottuso ritorna a ispirare i nostri sentimenti!
Rappresentato l’ultima volta, al Teatro Alfieri nella versione classica scritta da Sofocle, il 21 dicembre 2012 ed allora a  metterlo in scena fu il gruppo di ragazzi di 12 anni ex alunni della classe 5C dei Bimbisvegli della scuola elementare Rio Crosio di Asti
Proprio quella avventura durata quasi due anni di lavorazione  e che permise la realizzazione del film Antigone staying human​ , ha fatto sì che l’estate scoorsa Daniela Placci e Marco Viecca si sono incontrati con me e abbiamo iniziato a parlare di collaborazioni venture.

Nei giorni scorsi una grande  sorpresa: una telefonata di Daniela ci faceva sapere che la compagnia sarebbe stata felice di avere i Bimbisvegli tra la platea.

Antigone , Creonte Argia ed Emone in classe con i Bimbisvegli di 4C: fantastica esperienza!!!

Detto fatto, facciamo girare voce tra i piccoli di 4 elementare e i grand ex alunni che realizzarono il film e recitarono la tragedia al Teatro Alfieri.

Ci ritroviamo il 16 gennaio 2016 (giorno del compleanno di Vittorio Alfieri) davanti alle porte del teatro in 105 e occupiamo metà platea.

Un azzardo dirà qualcuno.

Occhiate incredule tra gli “aficionados” del teatro, facevano pensare che in molti si aspettassero un disturbo provenire da quella massa di bambini e ragazzini dagli 8 ai 14 anni.

Invece no! Non è volata una mosca. 

DSC_6556Anzi , qua e là a tratti si sono levati singhiozzi partecipi dello strazio di due donne straziate dal lutto cui era stato strappato un affetto e fremiti indignati per la crudele ottusità del tiranno , sordo ad ogni tenerezza o pietà.

La recitazione, impeccabile, nella sua ricerca di aderenza al testo ed allo spirito Alfieriano , ha saputo scatenarne completamente la vigorosa accusa contro il potere , sempre  tirannico e disumano.

DSC_6615Il tentativo, riuscito, di aderenza non ha però impedito, soprattutto nella seconda metà della tragedia (a partire dalla scena della caverna in poi) di inserire simbologie e pathos che hanno reso modernissimo il finale.

Fare teatro classico, non significa  recitare ingessati da timori reverenziali, immotivati, verso autori e testi.

DSC_6728Teatro è vita e se, come in questo caso, lo si rende vivo e vitale, assume  una  valenza di ispirazione alle azioni , ai sentimenti ed alle emozioni del nostro quotidiano.

Elena (9 anni) mi ha confidato di aver pianto… ma non era la sola.

Giacomo(8 anni) al termine  dello spettacolo ha chiosato così: “ma se Creonte era in carrozzella , vuol dire che era malato. Così è finito malato e solo : la cattiveria è una malattia!!” 

Al termine dello spettacolo la compagnia ha incontrato i ragazzi del cast del film “Antigone staying human” ed i piccoli di 4C della scuola primaria Rio Crosio insieme ai loro maestri Lina e Giampiero​. Marco Viecca, il regista li ha spronati tutti a recitare ed avventurarsi nel grande gioco del teatro, occasione per sperimentare altri sè, ed ha invitato i Bimbisvegli​ a realizzare l’allestimento del loro prossimo spettacolo entro settembre 2016 in modo da poter essere rappresentato alla rassegna di Castelnuovo Don Bosco.

Un nuovo obiettivo da raggiungere con allegria e tenacia

12509885_10208172897904973_5529077359882364387_n12565556_10208172900265032_6389208253889349449_n-2

Big bang big boom

 

la meraviglia del tutto che viene dal nulla!
l’origine dell’universo raccontata ai nostri bimbisvegli della 3C
Non solo una spiegazione immaginifica , ma un tentativo per iniziare a comprendere insieme le categorie dell’eterno e dell’infinito, della vita e della sua origine, e della sua .. destinazione.
domande aperte , per un cammino da percorrere insieme

La linea del tempo dei disobbedienti che rendono il mondo più bello e giusto!



Non è mai troppo presto per iniziare a capir come va il mondo. I “Bimbisvegli” della scuola elementare Rio Crosio di Asti con i loro maestri Lina Prinzivalli e Giampiero Monaca hanno già alcuni punti fermi e riferimenti nel tempo da cui attingere la loro ispirazione.
Sulla nostra linea del tempo appesa sopra alla lavagna, si trovano in sequenza: la piccola Antigone e Mosè, poi Gesù di Nazareth, seguito da Ipazia e Maometto, Vittorio Alfieri e  Gandhi, Thoreau, Don Milani, Rosa Parks e Martin Luther King, poi Peppino Impastato e infine Vittorio “Vik” Arrigoni , e ultimamene abbiamo aggiunto David Grassi e Renato Accorinti: tutti eroi a loro modo, disobbedienti verso le ingiustizie, costruttori di pace e ricercatori, tessitori di armonia attraverso la bellezza. 

 

Festa delle forze … disarmate

4 novembre: sindaco Messina espone bandiera pace a cerimoniaCondivido con tutti voi l’emozionante avvenimento di ieri mattina… ci ha telefonato in classe il sindaco di Messina Renato Accorinti.
insieme ai Bimbisvegli della 2 C della scuola elementare Rio Crosio di Asti, abbiamo festeggiato il 4 novembre leggendo la lettera di don milani ai cappellani militari… poi partecipato alla serata della pace organizzata presso il comune di Asti da Tempi di Fraternita con la straordinaria collaborazione di Daniele Dal Colle…
La costituzione Italiana all’articolo 11 “ripudia la guerra come strumento di soluzione alle controversie internazionali” , dunque si svuotino gli arsenali e  si riempiano i granai ci ricorda Sandro Pertini, ed ancora, don Milani e Gandhi ci danno una loro soluzione: le uniche armi per l’unica guerra possibile e giusta sono : la discussioni, il voto, lo sciopero e la disobbedienza civile.
Questo abbiamo letto in classe grazie alla sempre attuale lettera di don Lorenzo Milani ai cappellani miilitari , in cui li esoertava a compiere fino in fondo e  con coraggio la loro missione apostolica: svelare a tutti, anche ai ragazzi al fronte che  la guerra  è un inutile massacro e che  … non si fa ne  di notte  nè di giorno (come  dicono i nostri bimbi)
 
Toh… guarda  il caso, il sindaco de Messina il 4 novembre ha tenuto il suo discorso ufficiale esponendo, di fianco al tricolore anche la bandiera della pace, citando le parole di  papa Giovanni XXIII e di Pertini. 
 
Abbiamo commentato e parlato di questo gesto, rispettoso dei caduti ma di condanna assoluta della guerra come soluzione alle controversie. Impossibile  portare  pace  , con le  armi, già lo avevano pensato , scritto e cantato con chiarezza i Bimbisvegli grandi nel 2010 all’allora  ministro della difesa Fini in occasione della guerra in Afghanistan (http://www.bimbisvegli.net/weblog/archives/97)
 
Abbiamo raccontato questo gesto ai bambini e loro hanno riconosciuto in questa azione il coraggio, e la forza della pace di Gandhi, di Peppino Impastato, di Vittorio Arrigoni, Graziella Campagna, don Milani, Gesù, Antigone, Ipazia e tutti i nostri amici .
 insomma lo hanno apprezzato ed aggiunto ai nostri testimoni di libertà e pace sulla linea del tempo. 
Elena C. si è accorta che  il giorno 12 ricorre S. Renato, è il suo onomastico , gli facciamo gli auguri??
Ho preso il telefono qualche giorno fa e ho telefonato all’ ufficio di segreteria del Sindaco di Messina raccontando della nostra  “festa differente” e dell’apprezzamento riscosso dalla scelta coraggiosa  di Renato Accorinti , ma anche  della voglia di parlare  con lui , scambiarsi emozioni, fare qualche passo insieme sul sentiero della pace.
 
Bè il 12 intorno alle  10,30 squilla il telefono… ragazzi è il prefisso di Messina… ascoltiamo…. è proprio lui, Renato Accorinti, ci ha telefonato ed , in viva voce lui ed il bambini hanno dalogato e conversato  citando don Milani, la costituzione, gandhi… una momento dolcissimo, bellissimo ed intenso , che ha davvero permesso ai nostri piccoli “nanetti” di saltare in spalla ad un “gigante” e  grazie alla sua vita  ed alla sua testimonianza, riuscire  a scorgere ancora  più lontano paesaggi di pace , libertà e giustizia: la bellezza del percepire l’altro, del camminare insieme, dell’aspettare qualcosa che  non si sa se arriverà, la bellezza dei margini?
 

Un pò di curiosità

Nelle alte colline delle filippine si trova un popolo di nome   che sa fare  i  tatuaggi! Funziona così: si prende una spina di arancio,si mette dentro un pezzo di bambù traforato e con un bastoncino si batte sopra. E’ vero fa male però riescono ad sopportare il dolore.