Archive for the ‘teatro’ Category

The Wheels: la vera storia della guerra e di come fu messa sotto terra

18671383_10212705417135121_5438170550985822482_o

 

The Wheels: uno spettacolo con luci ed ombre per comprendere l’origine della guerra e valorizzare il significato della pace

Tutto iniziò in un bel giorno di seconda elementare, stavamo parlando della guerra e della pace ; quando una nostra compagna chiese al maestro chi avesse inventato la guerra e la causa che la scatenò . Egli rispose che non si sapeva chi l’ avesse inventata ma che studiando la storia forse potevamo scoprirlo

Dopo un anno incominciammo a studiare la preistoria e scoprimmo che nel periodo matriarcale non c’erano guerre tutti condividevano il cibo e la fame in modo uguale.

Con l’arrivo dell’agricoltura si iniziava a non avere più fame, ma alcuni uomini iniziarono ad accumulare più cibo , altri a rubarlo , poi dal cibo si passo’ all’oro .

La guerra la scatena chi vuole troppo e coinvolge anche altre persone che sono avide come lui, allora uccide finché non ottiene quello che vuole

Ci venne allora un’idea : fare uno spettacolo teatrale.

Quasi a fine 4 abbiamo iniziato a prepararlo e in estate l’ abbiamo concluso dopo giorni di consultazione e preparazione, in 5 abbiamo fatto le registrazioni e i montaggi degli oggetti scenici , in estate ci siamo ritrovati insieme al maestro Giampiero per scrivere la sceneggiatura ed il copione , alcuni di noi sono andati a Torino prima dell’inizio della scuola a settembre per girare il video al “cortile del maglio” dove c’è un grandissimo ingranaggio che tanti annni fa costruiva le armi, e dopo qualche settimana l’ abbiamo messo in scena a Castel Nuovo Don Bosco. Adesso è da qualche mese che l’ abbiamo fatta vedere ad un pubblico e la interpreteremo anche alla fine della scuola, come spettacolo della fine del nostro percorso scolastico ed elementare.

prima rappresenazione 25 settembre 2016 ore 16,00 Palazzo dell’Alla Castelnuovo don Bosco

Il racconto parla di come è nata la guerra e come stata domata: tutto iniziò nella preistoria , nelle tribù matriarcali che si dividevano tutto tra tutti ; erano nomadi infatti si spostavano seguendo il ritmo delle stagioni per procurarsi il cibo.

Un giorno tornarono nell’ accampamento dell’anno precedente e videro che dagli scarti della frutta che avevamo buttato via , era nata una pianta con dei germogli , così capirono che dal letame nascono i fiori , assaggiarono tutti i frutti , uno di loro ebbe un idea : perchè non venderli ?

Si divisero i compiti ,ma gli uomini maschi , dato che svolgevano i compiti più faticosi pensarono di essere indispensabili , vollerò comandare e ognuno voleva la maggior parte dei soldi.

La societa divenne piramidale ed è così che iniziarono le guerre, per predere sempre di più, o per rubare a chi aveva di meno.

Quando e i mariti tornavano dalle battaglie portavano solo ricchezze ma non dolcezze. A volte non portavano neanche ricchezze ma tornavano feriti o peggio morti. Dopo qualche tempo le donne si stufarono di rimanere sempre sole aspettando brutte notize , si incontrarono e e decisero di dare ai loro mariti figli e fratelli una bella lezione.

Desisero di far finta che , al loro rientro a casa dalle battaglie, igli uomini non esistessero, ingnorandoli. “loro ci lasciano sole?” Loro muoiono in battaglia? Loro non ci considerano? Gli faremo vedere cosa vuol dire non essere considerati ed essere soli!”

Quando gli uomini ritornarono pensarono che essere vittime di un sortilegio, scapparono nel bosco , ma mentre scappavano iniziarono a pensare a tutte le cose brutte che avevano fatto. Capirono ,sotterrarono la guerra e da lì naque un fiore che portarono alle loro mogli. Così la guerra fu domata. Ma la guerra si può davvero sconfiggere?

con la collaborazione di:

Fondazione Gabriele Accomazzo
Ass. Parthenos
Poirino S.p.a.
Silvia De Angelis
Emanuele Raneri
Claudio Catalano
Ristorante Chez Zeina Torino
ass.”il Margine”
Teatro degli Acerbi
Giulia Marchiaro
Josephine Ciufalo
Patrizia Camatel
Sara Deflorian
Antonio Chies
Autotrasporti Savian
Montecolino pavimentazioni rivestimenti tessili

18673177_10212702727067871_4232432013558860944_o 18623412_10212702716667611_3224266476637882549_o 18623281_10212702696787114_8793792289307750605_o 18623440_10212702672866516_6259918561294960874_o 18620740_10212702741068221_8440108444201608822_o 18623197_10212702729267926_3708935085375819227_o 18671383_10212705417135121_5438170550985822482_o la-danza-2-1910-musoeo-dellermitage-di-san-pietroburgo 18671383_10212705417135121_5438170550985822482_o

la carica dei 105 Bimbisvegli con Antigone e Vittorio Alfieri

 

Ci sono leggi ingiuste lei pensa ed or lo dice!

12552815_10208172635178405_7600404452116662895_nFinalmente Antigone , la coraggiosa ragazza che non poteva accettare la tirannide di una legge disumana emanata da un re vendicativo ed ottuso ritorna a ispirare i nostri sentimenti!
Rappresentato l’ultima volta, al Teatro Alfieri nella versione classica scritta da Sofocle, il 21 dicembre 2012 ed allora a  metterlo in scena fu il gruppo di ragazzi di 12 anni ex alunni della classe 5C dei Bimbisvegli della scuola elementare Rio Crosio di Asti
Proprio quella avventura durata quasi due anni di lavorazione  e che permise la realizzazione del film Antigone staying human​ , ha fatto sì che l’estate scoorsa Daniela Placci e Marco Viecca si sono incontrati con me e abbiamo iniziato a parlare di collaborazioni venture.

Nei giorni scorsi una grande  sorpresa: una telefonata di Daniela ci faceva sapere che la compagnia sarebbe stata felice di avere i Bimbisvegli tra la platea.

Antigone , Creonte Argia ed Emone in classe con i Bimbisvegli di 4C: fantastica esperienza!!!

Detto fatto, facciamo girare voce tra i piccoli di 4 elementare e i grand ex alunni che realizzarono il film e recitarono la tragedia al Teatro Alfieri.

Ci ritroviamo il 16 gennaio 2016 (giorno del compleanno di Vittorio Alfieri) davanti alle porte del teatro in 105 e occupiamo metà platea.

Un azzardo dirà qualcuno.

Occhiate incredule tra gli “aficionados” del teatro, facevano pensare che in molti si aspettassero un disturbo provenire da quella massa di bambini e ragazzini dagli 8 ai 14 anni.

Invece no! Non è volata una mosca. 

DSC_6556Anzi , qua e là a tratti si sono levati singhiozzi partecipi dello strazio di due donne straziate dal lutto cui era stato strappato un affetto e fremiti indignati per la crudele ottusità del tiranno , sordo ad ogni tenerezza o pietà.

La recitazione, impeccabile, nella sua ricerca di aderenza al testo ed allo spirito Alfieriano , ha saputo scatenarne completamente la vigorosa accusa contro il potere , sempre  tirannico e disumano.

DSC_6615Il tentativo, riuscito, di aderenza non ha però impedito, soprattutto nella seconda metà della tragedia (a partire dalla scena della caverna in poi) di inserire simbologie e pathos che hanno reso modernissimo il finale.

Fare teatro classico, non significa  recitare ingessati da timori reverenziali, immotivati, verso autori e testi.

DSC_6728Teatro è vita e se, come in questo caso, lo si rende vivo e vitale, assume  una  valenza di ispirazione alle azioni , ai sentimenti ed alle emozioni del nostro quotidiano.

Elena (9 anni) mi ha confidato di aver pianto… ma non era la sola.

Giacomo(8 anni) al termine  dello spettacolo ha chiosato così: “ma se Creonte era in carrozzella , vuol dire che era malato. Così è finito malato e solo : la cattiveria è una malattia!!” 

Al termine dello spettacolo la compagnia ha incontrato i ragazzi del cast del film “Antigone staying human” ed i piccoli di 4C della scuola primaria Rio Crosio insieme ai loro maestri Lina e Giampiero​. Marco Viecca, il regista li ha spronati tutti a recitare ed avventurarsi nel grande gioco del teatro, occasione per sperimentare altri sè, ed ha invitato i Bimbisvegli​ a realizzare l’allestimento del loro prossimo spettacolo entro settembre 2016 in modo da poter essere rappresentato alla rassegna di Castelnuovo Don Bosco.

Un nuovo obiettivo da raggiungere con allegria e tenacia

12509885_10208172897904973_5529077359882364387_n12565556_10208172900265032_6389208253889349449_n-2

Antigone , Creonte Argia ed Emone in classe con i Bimbisvegli di 4C: fantastica esperienza!!!

“Pronto? sono Antigone!”
Immaginate  un po’ di ricevere una telefonata così… incredibile!!!10649474_10208130939376036_7702209996183719755_n
Eppure è successo proprio così.
La telefonata che pareva provenire da un altro tempo ed un altro luogo prosegue:”Sabato 16 gennaio 2015 insieme ai miei compagni metteremo in scena la tragedia di Vittorio Alfieri, sono Daniela l’attrice che interpreterà la ragazza che disobbedì alla legge disumana ed ingiusta e rese  il mondo più giusto.
Sappiamo che  i Bimbisvegli, qualche anno fa, hanno recitato l’Antigone di Sofocle proprio su quel palco, (da quello spettacolo è stato tratto un film in via di completamento , il cui lancio è previsto per la primavera 2016 n.d.r)  e  che da anni anche i bimbisvegli piccoli, parlano di Antigone, e di tutti i personaggi che, come lei , nella storia, obbdendo solo alla legge dell’amore e della giustizia, hanno reso il mondo più bello e giusto.
Sappiamo che parlate di Vittorio Alfieri, di Ipazia, Di Gandhi e Rosa Parks.
Vorreste venire ad assistere al nostro spettacolo? Ci farebbe molto piacere!

Urka che meravigliosa occasione!
Ad Asti in questi giorni non si parla d’altro!
Un grande evento per celebrare il compleanno di Vittorio Alfieri: astigiano di nobili natali, uomo libero per scelta, impegnato per vocazione a denunciare la Tirannide dei Potenti

Perché portare una classe quarta elementare ad assistere ad una rappresentazione di teatro classico?

Certo: i temi di giustizia, libertà, scelta di obbedire alla coscienza al costo di disobbedire a norme e leggi disumane ed ingiuste, sono è devono essere praticate sin dalla più tenera età.
Ma i bambini capiranno qualcosa? Il linguagio di Vittorio Alfieri è difficile e complesso.

10292529_10208130938936025_1520535183482559329_nNoi maestri pensiamo di si, poiché la recitazione di questa compagnia, pur nell’assoluta aderenza al verso alfieriano, mira al suo scioglimento alla resa empatica ed emozionale con un magistrale uso dei volumi e dei toni.
Torniamo alla telefonata con “Antigone”: “sareste disposti a venire  un momento in classe e aiutarci a comprendere meglio la trama , magari provando a recitare un pezzetto per vedere come reagiscono i bambini?”
Le persone grandi sono gentili e così avviene anche per gli artisti, quando , consapevoli della propria bravura  non perdono la voglia di giocare , di sperimentare e di mettersi in gioco su campi inconsueti, così… non solo Daniela , ma tutto il cast, Marco, Rossana ed Eros si presentano martedì pomeriggio bussando alla porta della nostra aula.

12418031_10208130937655993_1910277830193707818_nDurante l’anteprima recitata in classe i bambini si sono coinvolti ed emozionati comprendendo bene le atmosfere e soprattutto le tematiche. In un pomeriggio passato insieme agli attori , il gran gioco del teatro ci ha trasportati in alto e lontano e come tutti i giochi , giocati seriamente, ci ha permesso di sognare la libertà, arrabbiarci per la tirannide, arrabbiarci per le ingiustizie di un re pollo ed ottuso.

Ci sono leggi ingiuste, che offendono l’umanità, spezzano le speranze e causano sofferenza; contro queste leggi l’unica soluzione è la disobbedienza civile!
Il linguaggio Alfieriano è complesso ma , come hanno detto alcuni bambini , estasiati dopo una anteprima dello spettacolo recitata in classe oggi pomeriggio dai magnifici Antigone: Daniela Placci – Creonte: Marco Viecca – Argia: Rossana Peraccio – Emone : Eros Emmanuil Papadakis… si capisce con la voce , con i volti ed i gesti.
il 16 gennaio al Teatro alfieri ci saremo anche noi, ad assistere alla storia della ragazzina che rese il mondo più bello e giusto

Non c’è vita senza libertà!!!

994728_10208436480772080_6096558521036005874_n

Antigone: Daniela Placci – Creonte: Marco Viecca – Argia: Rossana Peraccio – Emone : Eros Emmanuil Papadakis

 

Rabdomante Romantico (il film)

Dopo avere messo in scena con soddisfazione

DSC_4479il recital Rabdomante Romantico (spettacolo di danza, prosa e canto, che propone i temi della tutela della condivisione , del diritto all’accesso all’acqua, risorsa delicata e preziosa da difendere e proteggere) la classe 3C della scuola primaria Rio Crosio di Asti si cimenta nella trasposizione in chiave cinematografica.
I 25 piccoli attori, sceneggiatori, recitano interpretando i loro personagi in un set attrezzato con “green screen” allestito dai loro maestri Giampiero e Lina presso i locali della scola Media Martiri della Libertà.
Dopo aver montato tutto il film , lo sondo verde viene eliminato digitalmente con la tecnica del Chroma Key , magistralmente sfruttata e raffinata dal celebre e geniale scenografo astigiano Eugenio Guglielminetti, da cui il maestro Giampiero​ ha potuto apprendere alcuni stratagemmi.

I bambini sono coinvolti in ogni fase della realizzazione: il testo teatrale , basato sulla canzone Rabdomantiko di Paolo Enrico Archetti Maestri​ è stato scritto e sceneggiato dai bambini della 3C insieme alla maestra Lina Prinzivalli, sempre loro con Andrea Borini​ , regista e sceneggiatore, hanno modificato la sceneggiatura teatrale, rendendola più adatta ad una versione video.
Con Patrizia Camatel​ si trovano le modalità interpretative per esprimere al meglio le emozioni ed i significati della storia.
Giulia Adriano​ ha ideato con i piccoli le coreografie ed i movimenti dei balli.
Ognno di loro , oltre alla parte recitata, ha anche assunto compiti di produzione (segretari di edizione, coach, runner, direttore di scena, segretaria di produzione…) per collaborare con il loro maestro Giampiero a occuparsi della regia e delle riprese

L’intero progetto è autogestito ed a costo zero per le famiglie, i materiali , le attrezzature, gli spazi le professionalità , la collaborazione professionale sono messi a disposizione gratuitamente o riconoscendo fortissimi sconti per acquisto dei materiali, dagli insegnanti dai genitori, da professionisti ed aziende contattati dai maestri Lina e Giampiero che hanno ritenuto di voler credere in questa ed altre avventure , investendo, di fatto nella crescita dei bambini e nella formazione della loro coscienza critica e solidale.

questa è la nostra Scuola Buona, giusta, pubblica, accessibile, sensibile e solidale… nei fatti!

ringraziamo pertanto, l’azienda Montecolino (Provaglio d’Iseo BS) , Walter Fossati di Asti, Kaotikastore Roma, Anfossi Torino,Mauro Mauro Ravera​, Patrizia Camatel, Yo Yo Mundi​ Andrea Borini, Silvia Scanzi​, Simone Nosenzo​, Arte’ Grafica, Giampaolo Pennino, Antonio Chies, Asti​ Bimbisvegli​ e tutti i genitori nonni e nonne, che frequentemente si danno disponibili per trasporti, logistica, carpenteria e montaggi.

 

 

Sequence 04.Still002

una scena così come è girata con il fondale verde

Sequence 01.Still002

la stessa scena con l’aggiunta dello sfondo realizzato dai bambini in tecnica mista

 

DSC_4478

Giganti in classe, insieme ai bimbisvegli

Giornata da pelle d’oca in 1C

stanno venendo su bene i pargoli, ossissì!!!

Abbiamo imparato , sperimentandola, la massima “siamo nani sulle spalle di giganti”

L’anno scorso Alessia B una bimbasveglia della ex 5C , aveva voluto comprare un libro fotografico molto bello sulla lotta alla mafia portata avanti dai giudici Falcone e Borsellino, dicendo che così i piccoli avrebbero potuto imparare anche loro che la mafia è una montagna di m….  , così come noi bimbisvegli grandi abbiamo imparato quanndo , in quinta ele mentare abbiamo visto il film “i cento passi”….
Al rientro dalle vacanze di Natale in prima C abbiamo trovato una  bellissima sorpresa: una grande albero cresciuto in classe grazie ai buoni propositi che i piccoli avevano scritto prima di Natale,  sotto questo albero un generoso e sapientissimo topo bibliotecario, ha condiviso il suo tesoro: tanti libri da piccoli e da grandi per i bimbisvegli di 1C
il bello della conoscenza e della sapienza è il condividerla, non si studia per tenersi tutto per sè, ma per raccontare , mettere a disposizione , affidare ad altri , per migliorre il mondo.
Libri di fiabe per sognare, libri di racconti per immaginare, poesie per emozionarsi, libri sulla natura per custodire il mondo e meravigliarsi per la perfezione della Natura , sempre amica, libri di storia per copiare le cose belle e non commettere gli errori del passato. Le immagini di chi e ciò che ci sta a cuore, Gandhi, Vittorio Arrigoni e vittorio Alfieri, gli alunni della scuola di gomme in palestina e di Ikondo in Tanzania, Martin Luther King, Ena Akbari alcuni , fra molti.

Libri che parlano di cose belle ma anche di cose brutte per imparare a rendere migliore il mondo, e che non bisogna avere paura ma rimboccarsi le maniche e dare il proprio contributo.

Siamo capitati sul libro sulla mafia, e ho raccontato un episodio che ascoltai proprio dalla voce diretta del giudice Caponnetto.

Era magistrato e doveva recarsi in carcere ad interrogare un grosso boss… un vero mastino.
T
utti anche i secondini portavano rispetto al padrino, temendo ritorsioni, e costui , consapevole, si atteggiava , anche in carcere con ferocia e prepotenza a guappo onnipotente.
Caponnetto entrò nel parlatorio .
Il mafioso si aggirava come un leone, pieno di sè.
Caponnetto si sedette, si aggiustò gli occhiali e fissando il mafioso gli chiese: nome e cognome?
Era troppo!
Quello saltò per aria , su tutte le furie, si mise a sbraitare inferocito, come si permetteva quell’ometto malpagato di non conoscere il Mammasantissima?

E Caponnetto insistente: nome e cognome?
In quel momento dimostrò al boss che era finito, che era un pallone sgonfiato.
che lui non aveva paura.

La mafia, e tutti i violenti, hanno paura solo di chi NON ha paura

E questo grazie a un libro di foto che Alessia ha voluto regalare ai bimbi che sarebbero arrivati, che lei non conosceva , ma a cui sapeva e sentiva di TENERE (WE CARE)

Si alza allora Elena C. e dice timidamente: “ma se un bambino non è d’accordo con un adulto lo può dire?

Certo, risponde Davide G., ma lo deve dire pacificamente , e se l’altro si arrabbia e fa il violento allora bisogna fare capire che il più furbo , quando si litiga, è quello che smette per primo.

Elena ritorna alla carica, e dice io non so se ho il coraggio di Antigone (sic.) e di dire che non sono d’accordo.

Con i brividi, fremente per l’emozione rispondo che anche Antigone non sapeva di avere quel coraggio, ma che al momento buono non ha potuto stare zitta.

non bisogna avere paura delle idee e nemmeno dei violenti. (per quelli ci sono i genitori, i maestri e i giudici)
A questo punto abbiamo anche letto gli auguri che Alby P. (uno dei bimbisvegli della ex 5C) ha inviato  a noi maestri per tutti i bimbi di prima :
“ciao maestri: fra 5 giorni si ricomincia!Raccontate alla vostra nuova classe la nostra avventura : la carrucola, la tenda, LA LUNA (n.d.r. = l’emozione di vedere sorgere la luna e sentirsi un Noi)
Tramandategli tutte o quasi tutte le esperienze che abbiamo vissuto.

Fateli diventare, da nani sulle spalle di giganti a GIGANTI ENORMI.”

E quindi eccoci qui oggi, ancora una volta, a scrutare oltre l’orizzonte, più alti della nostra altezza proprio perchè sulle spalle dei giganti  che ci hanno preceduto. Grazie alle esperienze vissute con i nostri ragazzi, insieme alla maestra Lina sperimentiamo quotidianamente la scuola del sorriso, della condivisione, della comprensione, della libertà, e della cogestione, dell’appartenenza (avere gli altri dentro di sè)

Grazie ad Alessia che  ha visto un libro e ha voluto far si che i piccoli che ancora non conosceva  lo potessero avere
alla delicatezza di Alby,
grazie a Antigone, ragazzina che disobbedì alla legge rendendo il mondo più bello e giusto,
grazie a Patrizia che  mise in scena, per  la nostra 5C la sua tragedia
ad Iris e Maddy che  dettero l’impulso a noi di prenderci cura di lei, raccontandone la storia a grandi e piccoli.
Grazie tre  scaffali dell’ikea
ad un topo bibliotecario generoso,
Grazie ad un albero  cresciuto nella nostra classe, nutrito dai buoni sentimenti e ai profondi impegni presi da piccoli filosofi, sognatori, pacifisti di 6 anni
Con noi in classe  altri giganti: Sofocle, Vic Vittorio Arrigoni, Thoreau e don Milani, i bambini della Palestina, Gino Strada e i bimbisvegli  di ieri , oggi e… domani!